contenuti della pagina

L’appello del Vescovo di Kumbakonam

Come saprete, a causa della pandemia da Coronavirus, in India sono state adottate le misure per un lockdown di 40 giorni. La gente non può andare a lavorare. Le persone povere, in particolare i lavoratori alla giornata della nostra Diocesi di Kumbakonam, stanno soffrendo per la mancanza di cibo. Per poter  fornire loro qualcosa da mangiare in questo periodo di lockdown e per tutelarli dal Coronavirus ci appelliamo al vostro aiuto.

Queste le parole del Rev. Antonisamy Francis, Vescovo di Kumbakonam, in una lettera del 29 Aprile.

Per far fronte alla situazione, la Diocesi di Kumbakonam si è subito attivata con i Rev. Padri delle varie parrocchie e l’équipe di dottori e medici specialisti che lavorano negli ospedali della Diocesi, per garantire alle famiglie povere cibo, prodotti per l’igiene personale e mascherine e ha cominciato a distribuire beni primari nell’immediato.

Piano di interventi di emergenza

La Diocesi ha pianificato un intervento di emergenza su 3 livelli per salvare la vita dei più poveri.

1. Distribuzione cibo a 800 famiglie:                                     € 8.500,00

2. Distribuzione mascherine a 4.500 persone:                 € 1.406,25

3. Distribuzione igienizzante mani a 4.500 persone:     € 2.812,50

Ø      Costo totale =                               € 12.718,75

Ø      Contributo Diocesi =                € 2.718,75  

Ø      Importo richiesto =                    € 10.000,00

Come abbiamo fatto per l’appello ricevuto dalla nostra partner in Bangladesh, l’Ong DALIT, accogliamo la richiesta di aiuto della Diocesi di Kumbakonam e la poniamo alla vostra attenzione.

Potete donare per questa emergenza specificando la causale “EMERGENZA COVID19 INDIA”

Bonifico:      IBAN Banca IT85S0200830755000008725757

                          IBAN Posta IT50D0760101000 000049276405

Bollettino postale:        c/c n.49276405

   (queste erogazioni liberali sono detraibili/deducibili nella dichiarazione dei redditi)

Teniamo fede al nostro impegno di aiutare gli ultimi tra gli ultimi, senza distinzione di appartenenza alcuna, oltre tutti i confini di tutti i tipi (naturali, politici, religiosi), nello spirito dell’Ashar Gan, Canto di Speranza, per Un Continente Unico e Solidale.


Emergenza COVID 19 in India